Main Menu

L'importanza della prevenzione

Telemedicina
Foto di Tima Miroshnichenko

L'importanza della prevenzione

L'importanza della prevenzione

Ambizione Italia per la Cybersecurity: anche i più giovani scoprono la sicurezza

A volte un consiglio di una docente lungimirante può cambiarti la vita, perché apre nuovi scenari prima non immaginabili. È quello che è successo alla giovanissima Karola, 16 anni, al terzo anno del Liceo scientifico Galileo Galilei di Catania. Un ragazza come tante a cui piace leggere, fare sport, soprattutto ginnastica ritmica ("molto impegnativa, ma bella"). Karola non è certo una nerd... "Uso il computer per rendere più chiare e accattivanti le mie presentazioni e per lo studio in generale", racconta, "ma non disdegno la navigazione in rete per giochi on line o per ricerche scolastiche". Ma allora come è finita tra i partecipanti al percorso sulla sicurezza informatica Proteggi il cyberspazio?

Onelia Onorati, che cura l'ufficio stampa per la Fondazione Mondo Digitale, è rimasta incuriosita dalla storia di Karola, perché i webinar del progetto Ambizione Italia per la cybersecurity in realtà non sono pensati per gli studenti delle scuole. La prof. di Karola, invece, ha pensato che potessero essere uno strumento importante per arricchire il Percorsi per le competenze trasversali e l’orientamento. Con poche domanda Onelia si è fatta raccontare tutta la storia, molto semplice ma efficace, che condividiamo volentieri con la nostra comunità.

"Quando la mia insegnante mi ha coinvolta nel progetto per i PCTO, lo confesso, non avevo grandi aspettative. In effetti entrare nei particolari del tema cybersecurity non era esattamente nelle mie corde. Ma il corso mi ha aperto un mondo. E dopo le lezioni, oltre a curare i miei appunti, ho chiesto di avere i materiali di approfondimento".

Cosa ti ha fatto cambiare idea?
Temevo che si trattasse di un corso di informatica approfondito e che non avrei compreso del tutto gli argomenti. E invece ho realizzato che si trattava di una vera e propria opportunità per rendere più forti le mie competenze in tema di sicurezza informatica, rendendo più sicuro l’uso dei social e mettendomi nella condizione di proteggere meglio i miei account.

Come ha inciso sul tuo uso dei dispositivi tecnologici?
In effetti ho capito che anche navigare su Internet in maniera troppo estemporanea mette a repentaglio dati e ricerche. Oggi ho anche delle conoscenze di crittografia, mi rendo finalmente conto della sua utilità, grandi passi avanti rispetto a prima, quando leggevo che veniva utilizzata (ad esempio su whatsapp) ma non avevo piena coscienza di cosa fosse. Scelgo password più complesse, prima di condividere informazioni mi accerto che non vengano inviate a persone che non desidero coinvolgere.

Cosa farai ora che il percorso è terminato?
Ho cambiato anche il mio modo di fare ricerche, oggi non mi affido più a qualsiasi sito che trovo, ne consulto diversi per verificare la correttezza delle informazioni. Anche le enciclopedie on line non mi trovano più pronta ad accettare informazioni non verificate. Nel mio futuro a lungo termine mi piacerebbe concretizzare il sogno di una professione medica. Andrò all’università approfittando delle basi che il liceo mi sta aiutando a costruire e spero di diventare un medico.

Ora che Karola ha scoperto il valore pieno della prevenzione, in medicina e in informatica, siamo sicuri che sarà un medico particolarmente attento alla sicurezza dei suoi pazienti.

Altre notizie che potrebbero interessarti

I nostri progetti