Main Menu

La sete di sapere

Laboratorio di robotica

La sete di sapere

La sete di sapere

OpenSPACE: oggi evento pubblico nella periferia di Bari con Open Lab

Oggi nella periferia di Bari è in programma un evento pubblico con "open lab" per le attività di robotica. Ad aprire le porte ai cittadini del territorio è la scuola polo IC Grimaldi-Lombardi per condividere i principali risultati del progetto OpenSpace a livello locale, alla presenza delle istituzioni e di alcuni rappresentanti della comunità educante coinvolta.

Durante la giornata la Palestra dell'Innovazione è animata dal formatore Nicola Sasanelli con laboratori di robotica educativa per studentesse e studenti.

A raccontare la loro appassionante esperienza ci saranno anche i giovanissimi robottari delle classi seconde che per tutto il secondo quadrimestre hanno partecipato ai laboratori di robotica educativa [vedi la notizia La passione per i robot].

 

 

"Coinvolgere tutti è stato l’obiettivo principale del laboratorio di robotica", racconta Nicola Sasanelli. "La sfida iniziale era rendere accessibile agli alunni delle classi seconde un percorso didattico basato sul kit Arduino Creative Technologies in the Classroom 101, pensato per la fascia d’età 13-17 anni e impostato su attività da svolgere in gruppo".

"Credendo fermamente che un laboratorio di robotica ha successo se fondato sul lavoro cooperativo, abbiamo voluto rischiare e,  nel rispetto delle norme anti Covid19, abbiamo seguito caparbiamente la strada tracciata dal progetto: abbiamo organizzato il percorso didattico in sei lezioni, semplificando i contenuti in modo da renderli accessibili alle classi seconde, e abbiamo strutturato la classe in sei piccoli gruppi.

La prima lezione è stata pensata come un test propedeutico individuale, in modo da osservare ogni alunno alle prese con le attività di coding e raccogliere elementi utili per organizzare gruppi di lavoro eterogenei.
Dalla seconda lezione, con i gruppi scrupolosamente costituiti con la collaborazione di alcuni docenti della classe, per aumentare il coinvolgimento, sensibilizzando e valorizzando ogni singolo componente, abbiamo chiesto a ciascuno di assumere un ruolo differente, corrispondente a precise responsabilità. Sono stati proposti quattro ruoli: programmazione, montaggio, facilitazione, presentazione. Ogni gruppo ha scelto liberamente l’abbinamento ruolo-componente, comunicandolo al docente formatore".

Durante il percorso laboratoriale i ragazzi e le ragazze di tutte le classi seconde medie hanno lavorato ad uno o più progetti di gruppo. Lunedì scorso 16 maggio la classe vincitrice è stata premiata con una borraccia OpenSPACE sostenibile, con l'augurio che questa esperienza abbia risvegliato la sete di sapere!

Altre notizie che potrebbero interessarti

I nostri progetti